meta name="alexaVerifyID" content="S7FRQFJ87mC3Ku-V8xqeYym4GR0" />

La redditività dei clienti nel budget di vendita

Share

Mi capita spesso (purtroppo) di intervenire per ristrutturare aziende che sono in perdita. Chi è in perdita è quasi sempre indebitato, non genera flussi di cassa e non ha fondi per investire e ristrutturare. Ci sono due interventi rapidi da fare:

  • analizzare la redditività dei prodotti
  • analizzare la redditività dei clienti
  • Se l’azienda è in perdita sicuramente ha prodotti o clienti in perdita; eliminando i clienti o i prodotti in perdita si ottengono due risultati:

  • incremento della marginalità e del reddito operativo
  • diminuzione del capitale circolante
  • vediamo la seconda opzione.

    Devi considerare il cliente come un centro di profitto e associargli costi e ricavi, ad esempio cosi’:

    io mi focalizzo sui costi diretti; ad es qui abbiamo tre clienti che hanno rispettivamente una redditività del 13,6% del 10,7%, del 10,2%. Da notare che il cliente Visotto è in perdita, ma ha un margine diretto positivo. Cosa fare con questi clienti?
    Nel breve periodo il cliente va mantenuto, ma nel medio periodo bisogna cercare di peggiorargli le condizioni di mercato per portarlo a essere piu’ redditizio oppore bisogna cercare clienti migliori. Una volta trovata la redditività del cliente si puo’ fare una tbella di questo tipo:

    qui viene messa in correlazione la redditività del cliente con l’impegno di capitale richiesto in termini di rotazione per calcolarci un ROI di cliente. Sulla base di queste condiderazioni si puo’ decidere le strategie sui clienti, ad esempio:
    q partnership; i clienti con un alto redditività e un alto fatturato vanno gestiti in partnership, facendoli cioè partecipi e attivi del modello imprenditoriale, con modelli di relazione dedicati;
    q mantenimento:i clienti con un basso redditività, ma un alto fatturato servono a supportare il passa parola per l’azienda, e a raggiungere il punto di pareggio, vanno mantenuti senza particolari investimenti.
    q Sfide:I clienti con alto marginalità, ma basso fatturato sono le sfide, bisogna investire e recuperare fatturato. Sono i clienti ad alto potenziale da definire con priorità massima
    q Gestione selettiva: I clienti con basso marginalità o marginalità negativa vanno gestiti selettivamente investendo su quelli che potrebbero avere un valore futuro e abbandonando gli altri.
    Se riesci a classificare i principali clienti in questo modo puoi recuperare redditività e anche il cash flow che se ne va con i clienti in perdita o con crediti commerciali molto elevati.Ne parlo in dettaglio nell’ebook -Il budget di vendita-
    Se ti è piaciuto l’articolo aiutami a diffonderlo condividendolo con tutti i tuoi amici su Facebook, Twitter, Google Plus.
    E non dimenticare di lasciarmi un commento, con il tuo feedback e le tue idee
    Buona giornata
    Umberto Fossali

    Se questo post ti è piaciuto aiutami a diffonderlo nei tuoi network utilizzando i tasti di condivisione che trovi qui sotto ;-)

    Se vuoi fare 7 passi nel budget di vendita 

    Report sul budget di vendita

    Per vendere piu’ efficacemente

    -Il budget di vendita-…..

    Se vuoi capire come usare un bilancio

    -Bilancio Special report-

    Per un bilancio senza segreti

    -I Segreti del Bilancio-

     

    Share
    You can leave a response, or trackback from your own site.
    • http://ilcontrollodigestione.it Il controllo di gestione

      Ti faccio i miei complimeti per i contenuti del tuo sito.

    • Umberto Fossali

      Grazie Alessandro, complementi anche al tuo blog, per chi vuol capire come funziona il controllo di gestione….

    Powered by WordPress | See the Latest Cell Phone Deals at Bestincellphones.com. | Thanks to MMORPG, Video Game Music and Isochronic beats
    Umberto Fossali PIVA 11267870159