umberto.fossali@impresaefficace.com

BLOG

Gli approfondimenti di impresaefficace.it
11 Gen 2010

Cosa ci ha insegnato la crisi?

Il CORRIERE DELLA SERA titola Reddito delle famiglie a picco: -1,6% a evidenza che questa crisi non vuole andarsene via; probabilmente è l’onda lunga che sta arrivando, anche se forse il peggio e passato. Molte piccole e medie aziende sono tuttora in difficoltà e il mercato stenta ancora a ripartire. Però è anche il momento di tirare un po’ di somme e capire quali insegnamenti ci lascia questo brutto periodo.

Il primo è che mercato e concorrenza sono sempre piu’ difficili (lo sono da diversi anni) e che i mercati trainanti sono una merce rara da scovare. Molti settori sono falcidiati dall’attuale difficoltà, sto pensando all’occhiale, al tessile, all’edilizia, ma anche altri settori non se la passano meglio. Cosa si può fare? …

  • Bisogna pensare al posizionamento dell’azienda e alle leve di marketing per sviluppare Brand, immagine e vendite; oggi internet permette di avere molti dati interssanti e di farsi conoscere a basso costo.
  • Diventa importante avere un budget commerciale che pianifichi gli scenari di vendita, definisca gli obiettivi e permetta di incentivare e motivare la forza vendita
  • Non si puo’ essere efficienti senza una contabiltà industriale collaudata che permetta di mantenere in tensione continua gli standard di produttività; anzi è necessario pianificare un miglioramento degli standard anno per anno.
  • Perché un sacco di aziende usano i sistemi qualità per fabbricare una montagna di carte e non per fare miglioramento continuo e ricavare indicatori di efficienza? E perché non utilizzare il sistema qualità per fare CRM? (customer relationship management) e sviluppare le vendite?

Il secondo grande insegnamento è che gli investimenti vanno fatti a ragion veduta. Non si puo’ permettersi il lusso di farsi trovare in crisi con programmi di investimento in corso e debiti elevati.

  • Quante aziende hanno un budget degli investimenti in cui vengono valutati le redditività, i cash flow e i tempi di recupero? Eppure bastano dei semplici modellini di excel
  • Quante aziende si calcolano la leva operativa per sapere qual è la sensibilità del loro reddito al variare del fatturato? o il break even dei loro prodotti o delle aree di mercato?

Il corollario di questo è che il debito  e cash flow devono essere sempre sotto controllo…..

Buona giornata


Se questo post ti è piaciuto aiutami a diffonderlo nei tuoi network utilizzando i tasti di condivisione che trovi qui sotto 😉

Se vuoi saperne di piu’ sull’analisi di bilancio devi leggere

analisi di bilancio

Se vuoi saperne di piu’ sul Rendiconto Finanziario puoi leggere

Schermata 2015-08-06 alle 16.11.29

Se vuoi saperne di piu’ sul Budget di vendita puoi leggere

budget di vendita

Se vuoi Risparmiare il 5% dei tuoi costi puoi leggere

costi standard

Se vuoi aumentare la tua marginalità leggi

margine di contribuzione

 

0 Response