umberto.fossali@impresaefficace.com

BLOG

Gli approfondimenti di impresaefficace.it
3 Set 2012

Controllo di gestione:Hotel Alpenjager terza parte

/

Dopo aver analizzato la situazione reddituale dei singoli business, Dibeer provo’ a fare una analisi dei break even e delle leve operative per dare seguito alle sue analisi di controllo di gestione. Lo scopo era di capire la sensibilità dei due business alle variazioni di fatturato e di definire gli obiettivi specifici per l’anno a venire. Bisognava intervenire sia sui costi che sul fatturato, ma cosa sarebbe successo se aumentava i prezzi? e quali azioni prendere per aumentare i coperti serviti e le camere occupate? e quali costi ridurre?
I dati del controllo di gestione si presentavano cosi’

L’analisi del punto di pareggio evidenziava che con 26 camere mediamente occupare al giorno l’albergo sabbe andato in pareggio operativo, mentre il ristorante doveva occupare almento 65 coperti al giorno. Il pareggio operativo pero’ non basta perchè non assorbe i costi comuni. E’ necessario alzare gli obiettivi di reddito. L’albergo ha una leva operativa di 39, elevatissima e anche il ristorante presenta una leva di 5,83. Poiche’ il capitale investito in azienda era pari a 1.523.519 euro, Dibeer perso’ di fissare l’obiettivo di reddito a 152.000 euro. Considerato che i costi comuni e generali sono pari a 155.700 l’obiettivo operativo dei due business era di 307.700 euro (152.000+155.700). Dibeer penso’ di assegnare un obiettivo un po’ piu’ ragionevole fissandolo a 231.000 euro. Di Beer decise di assegnare un obiettivo di 100.000 euro di reddito all’Hotel e di 131.000 euro al ristorante. Questo voleva dire con le condizioni attuali fare un fatturato di 916.000 euro in albergo e di 1.006.000 nel ristorante.

Dibeer decise di verificare alcune ipotesi

Mi aiuti a condividere questo articolo?  la tua condivisione mi ripaga del lavoro fatto  per scriverlo

arrow

Per raggiungere 100.000 euro di reddito sarebbe necessario alernativamente aumentare i prezzi a 121,2 euro, le camere a 7493, abbassare i costi variabili a 19,2 o abbassare i costi fissi a 637.464 euro. Dibeer penso' che ridurre i costi sarebbe stato dificile, anche se mise in obiettivo un sistema di controllo per gli standard di lavoro, con l'obiettivo di verificare l'efficienza del personale nelle mansioni svolte. Dibeer decise di definire due obiettivi per l'anno 2010:
aumento del prezzo a 120 euro a camera
aumento delle camere vendute del 10%.
L'aumento del prezzo era molto semplice da effettuare, bastava ritoccare i listini. Venne pero' mandata una mail a tutti i clienti fedeli per spiegare la ragione dell'aumento e comunicare che sarebbe stata attivata una tessera a punti con delle giornate premio al raggiungimento di 500 euro di fatturato e comunicato un miglioramento del servizio.
il secondo punto piu' impegnativo prevedeva l'istituzione di un sistema di CRM sui clienti e l'invio di una newsletter periodica offerte mirate durante l'anno. In secondo luogo veniva attivata una campagna promozione via internet tramite inserzioni su adwords e su facebook.
In terzo luogo vennero attivate inserzioni su siti internet a visibilità internazionale, con l'obietttivo di catturare turisti dal mercato anglosassone.
A questo proposito il budget commerciale venne aumentato a 60.000 euro

Anche inquestocaso la simulazione del controllo di gestione diceva che a parità di altre condizioni per raggiungere 131.000 euro di reddito operativo bisognava alzare il presso a 42,7, oppure aumentare il numero di coperti a 25.157, abbassare il costo variabile a 18,2 o il costo fisso a 291.399. Venne deciso di attivare un sistema di monitoraggio dei consumi e dei carichi di lavoro, senza tuttavia definire obiettivi specifici.
Venne deciso di stabilire un prezzo di 43, vista la relativamente bassa sensibilità ai prezzi dei clienti del ristorante e di fissare il numero di coperti a 23.000, che significava un grado di copertura dei posti a sedere del 82%.
Per far questo venne aggiornato il menu' rendendolo piu ricco e accattivante e venne data piu' visibilità a livello locale, sia on line che attaverso cartellonistiche stradali.
Venne definito il budget per l'anno successivo.
Appuntamento all prossima puntata per vedere come il signor Dibeer formulerà il budget commerciale...
la prima parte del caso Alpenjager la trovate qui: Hotel Alpenjager prima parte
la seconda parte del caso Alpenjager la trovate qui: Hotel Alpenjager seconda parte
Se questo post ti è piaciuto aiutami a diffonderlo nei tuoi network utilizzando i tasti di condivisione che trovi qui sotto 😉

Se vuoi saperne di piu' su come ridurre i costi

kaizen costing

Se vuoi capire come fare un budget di vendita

uffosal3d

qui invece parlo dell'analisi di bilancio

paperbackbookstanding_849x1126

qui puoi trovare come usare il margine di contribuzione

margine di contribuzione

e infine qui impari a fare il rendiconto finanziario

rendiconto finanziario

1 Response

  1. Pingback : la definizione del budget di vendita | Impresa efficace