umberto.fossali@impresaefficace.com

BLOG

Gli approfondimenti di impresaefficace.it
24 Mag 2012

Come non ridurre i costi

Se un’azienda ha i conti in rosso puo’ fare solo due cose:

  • aumentare i ricavi
  • ridurre i costi

L’aumento dei ricavi è l’opzione piu’ auspicabile, crea crescita, lavoro, tasse per il nostro famelico fisco e profitti per l’impresa. Per far crescere il fatturato bisogna avere una strategia e naturalmente fare i conti con il mercato, oggi croce di molte aziende italiane.
L’altra opzione è ridurre i costi.Vediamo come non si fa….
Il governo italiano ci insegna tre efficaci metodi per non ridurre i costi.
1-Il primo è l’antileadership: si nomina una persona che non ha nessuna leadership per ridurre i costi; per cambiare ci vuole credibilità e visione, le persone devono crederci, il leader deve indicare la strada del futuro, deve essere proiettato sul risultato. Nominate un antileader e avrete la sicurezza che non si combinerà un bel nulla. Giuliano Amato è perfetto nel ruolo di riduzione dei costi della politica. Una vita al traino dei partiti e una ricca prebenda per pensione, oltre a cariche onirifiche varie in enti altrettanto inutili….Lo vediamo che sferza i politicanti al rigore dei conti, acclamato all’unanimità.
2-Un altro metodo efficacissimo per non ridurre i costi è quello di nominare una commissione di studio sui costi. Studiate, studiate, intanto il tempo passa e le cose si aggiustano da sole. Il Ministro Giarda è bravissimo in queste cose. La prima commissione di studio sulla riduzione dei costi è dell’ 1981. Se volete saper cosa è successo ai costi italiani e al debito guardate qua. Come vedete il metodo è stato efficacissimo.
3-Terzo metodo efficacissimo per non ridurre i costi è aumentare i costi per ridurre i costi. Ad esempio pur avendo a disposizione efficacissimi funzionari pagati 3-400 mila euro all’anno, uno stuolo di impiegati e consulenti a volontà, si puo’ chiedere consiglio al popolo italiano su come ridurre i costi; naturalmente diventa necessario impiegare un po’ di persone a spulciare, sviluppare, catalogare, archiviare i mirabilanti consigli che vengono inviati.
È chiaro che questi metodi da soli non bastano; ci vuole una cultura approfondita della non riduzione di costo.
Ad esempio quando qualcuno parla di costo standard, si puo’ a scelta:

  • ignorarlo,
  • proporre una commisione di studio sui costi standard
  • dire che -li stiamo gia utilizzando-
  • Assumere una ventina di consulenti per determinare i costi standard ( piu’ sono, piu’ sarà difficile che si mettano d’accordo)

Se poi qualcuno osasse proporre tecniche innovative di riduzione dei costi come l’analisi del valore ( è stata inventata nel 1942) o il kaizen (anni 70) si puo’ sollevare un dibattito sul concetto di valore o sollevare dubbi sulla legittimità della leadership all’interno del gruppo.
Sarebbe bello, tra vent’anni, con la barba bianca, riprendere in mano quest’articolo per vedere l’inossidabilità dei costi italiani e poter tramandare alla storia questi metodi che la nostra classe politica maneggia con tanta efficacia.

se ti interessa una guida operativa per ridurre i costi la puoi trovare qui-Kaizen costing-

Kaizen Costing

Se questo post ti è piaciuto aiutami a diffonderlo nei tuoi network utilizzando i tasti di condivisione che trovi qui sotto 😉

Se vuoi fare 7 passi nel budget di vendita
Report sul budget di vendita

Per vendere piu’ efficacemente

Il budget di vendita-…..

Se vuoi capire come usare un bilancio

Bilancio Special report

Per un bilancio senza segreti

I Segreti del Bilancio

1 Response

  1. Pingback : Come non ridurre i costi | Calabria Che Lavora