meta name="alexaVerifyID" content="S7FRQFJ87mC3Ku-V8xqeYym4GR0" />

Analisi di bilancio: crescita e indebitamento, come analizzare il proprio bilancio

Share

Quanto puo’ crescere un azienda? Sembra una domanda di altri tempi, con la crisi che morde le imprese ma anche in tempi difficili si puo’ crescere; proprio la settimana scorsa un imprenditore mio cliente ha esposto i dati di bilancio con una crescita del fatturato del 40%. Come fa? Dedizione al lavoro, impegno, buone idee e voglia di investire, ma tenendo i piedi per terra; l’impresa potrebbe crescere ancora di piu’, ma lo fa rispettando i fabbisogni finanziari e indebitandosi  per quello che serve; L’analisi di bilancio ci aiuta a capire come programmare la crescita aziendale. Quali sono i dati che ci servono per capire qual è la crescita possibile?

Innanzitutto bisogna investire; le possibilità di investimento sono legate al ROE e agli utili non distribuiti come descritto in questo post; ad esempio un’impresa che ha un ROE del 23,63%  e una distribuzione di utili del 20%  puo’ programmare una crescita del 18,9% e quindi con un capitale investito pari a 3.780.038 puo’ investire esattamente 714.705 Euro. Qualche calcolo e gli Indici di bilancio ci aiutano…..

Quest’investimento è destinato a immobilizzi materiali, immateriali o finanziari, ma una cosa che spesso molti dimenticano è che esiste anche il capitale circolante. Ad esempio con un periodo di pagamento medio da parte dei clienti  di 66,62 giorni e una rotazione del magazzino di 8,03   quest’azienda con una crescita del 10%  di fatturato genera un fabbisogno di circolante dovuto a crediti verso clienti per 136.627 euro, per 100.500 per  l’espansione del magazzino, per 17.033 per l’espansione degli altri crediti; quindi un valore di 254.161 euro è impegnato nell’investimento in attivo circolante;

 

questo valore è solo parzialmente compensato da un incremento del passivo corrente di 136.597 di fornitori e di 71.199 di altri debiti a breve per un totale di 207.797.quindi il saldo di 254.161- 207,797 =46.363 va in detrazione del capitale disponibile di 714.705 euro.

 

Quindi l’impresa si ritroverebbe con un incremento degli investimenti di 668.341 euro;

un incremento del capitale investito del 15,64% ( al netto dell’incremento degli ammortamenti)

un indebitamento che passa da 2,78 a 2,4, grazie a un miglioramento degli utili e una posizione finanziaria che passa da –2529.363 a –2.185.460 con un miglioramento  di 343.903 euro.

 

L’azienda avrebbe anche potuto destinare l’autofinanziamento a un miglioramento del rapporto di indebitamento. In questo caso, in assenza di crescita il debito sarebbe passato da 2,78 a 2,34., naturalmente senza crescita dell’investimento. Come vedi, l’ Analisi di Bilancio fa sempre bene…

Complicato?

Queste simulazioni si possono fare usando dei semplici modelli di excel, dopo aver capito come funziona….Ne parleremo in dettaglio nel seminario organizzato da Confindustria Udine Analisi del proprio bilancio che si terrà nelle giornate del 21 e 28 febbraio prossimo; si puo’ portare il proprio bilancio e fare l’analisi di redditività, solidità , liquidità e potenzialità di crescita ricavando i 10 piccoli indiani che ci guidano nella gestione

vi aspetto numerosi….
Se questo post ti è piaciuto aiutami a diffonderlo nei tuoi network utilizzando i tasti di condivisione che trovi qui sotto;-)

Se vuoi fare 7 passi (gratis) nel budget di vendita 

Report sul budget di vendita

Per vendere piu’ efficacemente

-Il budget di vendita-…..

Se vuoi capire come usare un bilancio (gratis)

-Bilancio Special report-

Per un bilancio senza segreti

-I Segreti del Bilancio-

 

Per ridurre i costi aziendali

-Kaizen Costing-

Share
You can leave a response, or trackback from your own site.

4 Responses to “Analisi di bilancio: crescita e indebitamento, come analizzare il proprio bilancio”

  1. andrea scrive:

    Ma l’incremento di fatturato del 10% è legato all’incremento del capitale circolante del 18,9% oppure il 10% è un numero scelto a caso?

    ps domani farò il bonifico per l’acquisto del libro

  2. andrea scrive:

    inoltre non ho capito perché passando dal primo al secondo stato patrimoniale i mezzi propri aumentino, nonostante il tasso di crescita del capitale investito non aumenti

  3. Umberto Fossali scrive:

    Ciao Andrea, grazie del commento.
    L’incremento del fatturato è solo un esempio, perchè è legato alle previsioni di mercato dell’azienda e alle sue politiche di marketing; il 18,9%, cioè i 714.705 euro sono l’investimento realizzabile in condizioni di sostenibilità con un ROE del 23,63%; una parte di quello dovrà essere destinato al capitale circolante, in funzione della crescita attesa. se la crescita attesa è del 10%, con la struttura patrimoniale dell’esempio questo genererà un fabbisogno netto di circolante di 46.363.
    Ti invio il modello in excel dell’esempio, cosi’ puoi fare un po’ di what if

  4. Umberto Fossali scrive:

    i mezzi propri aumentano dell’utile di esercizio che è di 236.341 meno il 20% di distribuzione dei dividendi.

Leave a Reply

Powered by WordPress | See the Latest Cell Phone Deals at Bestincellphones.com. | Thanks to MMORPG, Video Game Music and Isochronic beats
Umberto Fossali PIVA 11267870159